ALP - Aquileia Linux Project

Gruppo Utenti GNU/Linux – Free Software Bassa Friulana
Oggi è 27/05/2017, 15:38

Tutti gli orari sono UTC




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 24 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: OK, io ci sto
MessaggioInviato: 14/10/2006, 8:32 
Non connesso
new_entry
new_entry

Iscritto il: 14/10/2006, 7:38
Messaggi: 7
Località: San Marcellino (CE)
Salve,

A me va molto bene, proprio al momento giusto.

Un mio amico mi ha chiesto di preparare qualcosa per Internet point, lui per adesso lo gestisce con SW proprietario
che ha pagato qualche centinaio di €.

Questa volta vorrei fare un progetto come si deve:
1) analisi, magari con UML
2) progetto
3) discussione
4) modifiche progetto
5) discussione
....
999) codifica

Ho visto (ahimè anche participato) ad alcuni progetti, dove si parte con la codifica e man mano si fanno le modifiche.
Alla fine esce una bruttezza (aka spaghetti code) che magari funziona,
ma a guardare il codice ti viene da vomitare.

Altra cosa che si _DEVE_ fare fin dal inizio è la documentazione sia del utente, sia del sviluppatore. Ho visto grandi progetti
(osCommerce per citare uno) dove chiedono collaborazione ma quando cerchi documentazione di sviluppo, capo
progetto ti risponde "Documentazione di sviluppo? Non c'è, hai codice sorgente." Sì, bello, e io per partecipare mi
devo fare prima 2 mesi di analisi per capire qualcosa e poi magari posso fare la mia parte. Via, tempo sprecato.

Butto qui qualche idea:
- programma modulare
- un modulo che gestisce accesso al database, così se uno ha già sulla
sua macchina MySQL, non deve installare PostgreSQL solo perché sviluppatori
hanno deciso che loro programma userà Postgres (e viceversa)
- altro modulo che gestisce interazione con postazioni
- altro modulo che gestisce logging del trafico (requisito dettato dalla legge)
- e così via
- non legarsi ad un tipo di interfaccia utente, ma fare programma in puro stile
Unix - moduli come programmini a riga di commando, così la GUI si po fare in
tanti modi diversi - Web, wxPython, tcl/tk, ...

Va be, per adesso mi fermo qui, vediamo chi altro si fa vivo.

Tanti saluti da Pietro


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 14/10/2006, 9:04 
Non connesso
Site Admin
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: 18/08/2004, 19:41
Messaggi: 1237
Località: Aquileia
Ciao pietro e benvenuto sul Forum ALP :)

Mi ricollego a quello che hai scritto rispondendo con quanto aveva tempo fa estrapolato Carletto

Cita:
SCOPO:

controllo dei login degli utenti di un internet point e registrazione dei loro dati personali in conformità alla

1) Standard legge pisanu.

2) SOFTWARE IMPIEGATO:

. Linux Schlakware (SO)
. Squid
. Apache
. Php
. MySQL
. Phpmyadmin


3) VARIE:

. nome applicazione (si potrebbe creare un sondaggio... cosi anche per il logo)
. logo (qualche grafico magari potrebbe farsi avanti per fare qualche proposta ;))
. licenza d'uso (si è deciso per la GPL)
. burocrazia (ricordandosi che esiste normativa di legge da seguire)
. realizzatori e loro ruoli (chi fa cosa nel team di sviluppo di questo progetto: col tempo si vedrà)
. tempi e scadenze (speriamo di vedere una beta il prima possibile ;))

4) FUNZIONI:

- MEMORIZZAZIONE DATI UTENTE

. scansione foto
. nome
. cognome
. data nascita
. nazione provenienza
. tipo documento
. numero documento
. bonus navigazione

. inizio connessione (gg-mm-aaa hh:mm:ss)
. fine connessione (gg-mm-aaa hh:mm:ss)
. terminale utilizzato

. ricerca e visualizzazione dati
. controllo automatico età
. impostazione età minima
. accesso al programma tramite password
. gestione password

. esportazione dati per backup (log + utenti + connessioni)

5) FUNZIONI SERVER

. abilitazione/disabilitazione terminali
. impostazione tempo connessione
. visualizzazione tempo residuo
. reset timer dei client
. sincronizzazione data orario server/clients
. invio pop-up comunicazione
. check-up funzionamento terminali
. gestione ip terminali

6) FUNZIONI CLIENT

. attivazione timer scadenza a inizio navigazione
. visualizzazione tempo rimanente
. logout - reset timer


Tra parentesi () ho scritto le mie idee:
    1) L' idea di rendere il progetto modulare mi sembra un fatto di forza e stabilità per il tutto;
    2) peraltro anche la documentazione è sacra e quindi è d' obbligo, magari scriverla passo passo che il progetto si evolve;
pietro ha scritto:
- non legarsi ad un tipo di interfaccia utente, ma fare programma in puro stile
Unix - moduli come programmini a riga di commando, così la GUI si po fare in
tanti modi diversi - Web, wxPython, tcl/tk, ...

Si! Piace anche a me l' idea ;)

Ora passo parola anche io :mrgreen:

_________________
Davide Tommasin
BLOG di uno qualsiasi
ALP - Aquileia Linux Project
CKF - Canoa Kayak Friuli
Immagine Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 14/10/2006, 11:59 
Non connesso
pinguino_imperatore
pinguino_imperatore
Avatar utente

Iscritto il: 17/05/2005, 8:05
Messaggi: 178
Località: Aquileia
Credo che in fase di sviluppo la miglior documentazione siano i diagrammi di flusso, in qualunque linguaggio essi siano generati, a quel punto il codice risulterà "ovvio" ( naturalmente con tutte le problematiche del caso ).
Il progetto impostato mi piace!
Io ci sto. :D

_________________
Non è forse la pazzia una minoranza composta da un singolo individuo?
(G.Orwell, 1984)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 14/10/2006, 15:54 
Non connesso
Site Admin
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: 18/08/2004, 19:41
Messaggi: 1237
Località: Aquileia
Sia per il codice sia per la documentazione io terrei presente Subversion come mezzo di lavoro per poter lavorare sempre con le ultime versioni e senza far confusione tra di noi.

Dico subito che appena tutti mi daranno l'ok non ho problemi ad installarne una versione sul server.

:ciauz:

_________________
Davide Tommasin
BLOG di uno qualsiasi
ALP - Aquileia Linux Project
CKF - Canoa Kayak Friuli
Immagine Immagine


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 14/10/2006, 17:15 
Non connesso
pinguino_imperatore
pinguino_imperatore
Avatar utente

Iscritto il: 26/09/2004, 17:16
Messaggi: 124
Località: Udine e non solo.
Se è prevista un'interfaccia Web in PHP io ci stò anche nello sviluppo.
Magari posso anche dedicare una parte del mio server al progetto.

Che ne dite?

_________________
Il mio lavoro: StilisticaMente
I miei giochini: Giochi online
http://counter.li.org/cgi-bin/certificate.cgi/361528


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 14/10/2006, 21:36 
Non connesso
pinguino_imperatore
pinguino_imperatore
Avatar utente

Iscritto il: 08/07/2005, 15:15
Messaggi: 198
Località: sella nevea
:tux:

Benvenuto a Pietro !

.....................................................................


Sentite un po', le linee guida che ho cercato di tracciare sulla funzionalità del SW le ho maturate nella sudata esperienza fatta al sunsplash assieme a kinghack. Ho fatto il possibile pensando a cosa poteva servire.

Con questo intendo che se qualcuno ha idee diverse in merito può sempre esporle e saranno valutate volentieri.

ci sentiamo :ciauz:

_________________
Immagine

TUX al Sunsplash:
http://video.google.it/videoplay?docid=446895828405321968

Notte pordenonese
http://video.google.it/videoplay?docid=-3951063082884099892


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: La mia esperienza
MessaggioInviato: 15/10/2006, 20:16 
Non connesso
newbie
newbie
Avatar utente

Iscritto il: 28/11/2005, 16:47
Messaggi: 22
Località: Lignano Sabbiadoro
Premetto che anni fa ho scritto un programma, in fretta e furia, per gestire un IP, detto programma funziona ed è stato adeguato anche alla legge Pisanu, ma non è che sia una base bellissima per partire perchè (a parte il fatto che difficilmente la mia azienda cederebbe il sorgente) è scritto nel modo che Pietro aborrisce. Ciononostante ho fatto un minimo di esperienza, e queste sono le mie considerazioni.
- x Pietro: non vedo grandi necessità di fare una cosa modularissima e multi SQL: alla fin fine c'è bisogno di una console di amministrazione che faccia delle operazioni elementari, facendola su web la possono usare praticamente tutti i client, e se diventasse una priorità accedere da un dispositivo portatile tipo palmare se ne potrebbe studiare una che richieda molto meno spazio. La console che ho fatto io ai tempi era in html puro con un minimo di javascript, ora si può fare molto meglio, tra ajax e derivati. I client di controllo accessi sulle macchine destinate agli utenti possono interagire con il server con delle banali chiamate http, e possono essere scritti in qualsiasi linguaggio.
Per quanto riguarda l'SQL, ormai Mysql può essere considerato una 'commodity', lo supportano tutti ed è banale da installare, sia su Windows che su Linux. Volere supportare più database può essere utile, ma significa complicare la vita a chiunque volesse accedere direttamente all'SQL per scopi suoi, o in alternativa fornire un interfaccia per accedere agli stessi dati che consenta tutte le operazioni e sia facile da utilizzare con tutti i linguaggi di programmazione, a quel punto si fa tanto prima a consentire l'accesso all'SQL (e se qualcuno lo rompe si tiene tutti i cocci).
Volendo fare qualcosa di complesso si potrebbe vedere se è il caso di passare direttamente a Postgres, non tanto per la potenza, visto che quella di Mysql è più che sufficiente per lo scopo, quanto per la sicurezza dei dati, visto che fra replicazione e Wal si può avere in pratica il backup in tempo reale e non perdere neanche un byte anche nell'ipotesi che il sistema di lavoro si frantumi durante il funzionamento. Occorre però capire se è un postgres modello base senza replicazione né wal sia facile da amministrare quanto un mysql parimenti base, valutare insomma se il gioco vale la candela.
x Carletto:
- Non vedo motivi per supportare esclusivamente Slackware, perlomeno per un sistema modello base ove si fornisce solo la navigazione su Pc disponibili al pubblico. Per assurdo, sospetto che il tutto potrebbe funzionare anche sotto Windows, visto che sia la piattaforma Lamp che il proxy squid, eventualmente necessario per loggare il traffico, funzionano sotto Windows. La cosa cambierebbe aspetto se si volesse fornire anche la navigazione via WiFi ai clienti che arrivano con il proprio laptop, in tal caso servirebbero delle funzioni di firewall e lì la soluzione più pratica è un Linux+Iptables. Sospetto comunque che anche in tale caso non sarebbe necessario limitarsi alla Slackware.
- Legge Pisanu: che io sappia acquisire la riproduzione del documento equivale anche all'acquisizione dei dati anagrafici, nella legge non c'è scritto da nessuna parte che questi dati debbano essere in un formato elaborabile elettronicamente, e quindi anche l'immagine è più che sufficiente. In altre parole, nel momento in cui l'operatore acquisisce l'immagine del documento non deve trascrivere alcun dato, e posso assicurarti che se in un bar affollato dovesse fare anche questo impazzirebbe dopo mezza giornata, specialmente considerando il fatto che la maggior parte del personale batte sulla tastiera con UN dito, due se siamo estremamente fortunati.
Non mi risulta che ci siano limiti di età per accedere alle macchine, e quindi non serve alcun controllo di età, a meno che non si vogliano proporre funzionalità di navigazione 'sicura per i minori', un ginepraio che è meglio evitare in partenza a meno di non far firmare al cliente (anzi al genitore) una dichiarazione in cui si declina ogni responsabilità sull'efficacia di qualsivoglia filtro si possa applicare. Si potrebbe invece implementare un archivio dei clienti abituali, in modo da non stare a riacquisire il documento ogni volta che si presentano, e in tal caso si può fare in modo che quando l'operatore acquisisce il documento ne indica anche la data di scadenza in modo che non possa essere 'usato' oltre tale data, ma occorre fare attenzione perché 'certo personale' a volte si fa dire il nome e lo scrive, senza preoccuparsi di controllare se il documento estratto dall'archivio corrisponde esattamente con la persona che ha dichiarato il nome.
Dulcis in fundo, l'acquisizione del documento è anch'essa un ginepraio: in teoria la si fa con uno scanner, ma un normale scanner è dipendente dall'architettura, e quel che è peggio dipende dall'architettura del client, non del server. Sotto linux il supporto per gli scanner è penoso, si limita a pochi modelli generalmente costosi, e la reperibilità di quei modelli nel tempo è sempre una scommessa. Sotto windows si può provare a interfacciarsi a un driver Twain, ma detto driver deve essere:
1) veloce
2) stabile
3) non richiedere alcun tipo di interazione utente
in pratica ci precludiamo la possibilità di avere un client multipiattaforma.
L'unica soluzione che abbiamo trovato per avere uno scanner facile da usare e stabile è stata una stampante multifunzione in rete in grado di fare la 'scansione verso email' senza alcun supporto da parte dell'host (occhio che molte stampanti che sostengono di poterlo fare si appoggiano a software installato in un sistema host esterno e quindi NON sono affidabili), la stampante scanna uno o più facciate del documento, successivamente crea un messaggio email con le immagini allegate e lo spedisce a uno o più indirizzi email. L'MTA/SMTP/Mailserver posto sulla macchina di gestione, riceve il messaggio, salva gli allegati e li assegna automaticamente alla macchina indicata nell'indirizzo del destinatario. Si tratta di un sistema costoso, ma per un IP che abbia un numero di macchine dignitoso (almeno 5 o 6) è una spesa sopportabile. Resta inteso che la soluzione di ricezione dei documenti da email è relativamente aperta e lascia la possibilità a terzi di fare il proprio sistema di invio, così come nulla vieta di realizzare la stessa funzione con una chiamata http.

Per chiudere, come ho accennato prima una interessante estensione del modulo per IP è quello di consentire l'accesso via WiFi anche ai possessori di un laptop, realizzare in pratica le funzioni di un Hot Spot pubblico, ma dando la possibilità di abilitare il signolo laptop direttamente da console senza richiedere una attivazione preventiva o un abbonamento. Le funzionalità richieste sono relativamente semplici, occorre interagire pesantemente con iptables e preparare alcune pagine html di supporto per il client che si collega, niente di particolare.

A proposito, va bene fare il tutto con software libero, ma potete scordarvi allegramente di proporre solo macchine pubbliche basate su Linux, significa dimezzare almeno il fatturato e avere una serie di lamenti senza fine fra i clienti che non si trovano senza Explorer. Nulla vieta di fare anche il client per macchine Linux, ma il grosso degli utenti vorranno macchine Windows.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 15/10/2006, 20:54 
Non connesso
pinguino_imperatore
pinguino_imperatore
Avatar utente

Iscritto il: 17/05/2005, 8:05
Messaggi: 178
Località: Aquileia
Se il grosso degli utenti vuole Explorer, per come la vedo io, può cambiare bar.
Il progetto al momento non ha finalità di lucro, quindi non ha senso parlare di fatturato,non dobbiamo vendere nulla e l'unico fatturato è quello di chi installa nel caso che non deve sborsare quattrini per client windows da reinstallare ogni settimana, il software libero va ottimamente non per questioni tecniche ma proprio perchè è libero e quindi:

1 Tutti gli sviluppatori hanno garanzia di rendere pubblico il loro lavoro, quindi sono più invogliati a sviluppare, debuggare, ecc.

2 Abbiamo garanzia di sicurezza totale, avendo il codice sorgente.

Credo, che inizialmente non sia prevista la possibilità di fornire accesso a Laptop Wi-Fi.
Per quanto riguarda la replicazione, mi risulta che Mysql abbia questa funzionalità, correggetemi se sbaglio, naturalmente.
Ultimo, non so che scanner hai avuto la sfortuna di provare ma ne ho 3 ( 2 Canon e 1 HP ) e funzionano egregiamente con kernel Linux 2.6.17 ( senza driver strani ).

Per quanto riguarda l'acquisizione del documento in formato immagine sono perfettamente d'accordo con te! :mrgreen:

_________________
Non è forse la pazzia una minoranza composta da un singolo individuo?
(G.Orwell, 1984)


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 16/10/2006, 1:10 
Non connesso
newbie
newbie
Avatar utente

Iscritto il: 28/11/2005, 16:47
Messaggi: 22
Località: Lignano Sabbiadoro
rjky ha scritto:
Se il grosso degli utenti vuole Explorer, per come la vedo io, può cambiare bar.
Il progetto al momento non ha finalità di lucro, quindi non ha senso parlare di fatturato,non dobbiamo vendere nulla e l'unico fatturato è quello di chi installa nel caso che non deve sborsare quattrini per client windows da reinstallare ogni settimana, il software libero va ottimamente non per questioni tecniche ma proprio perchè è libero


Non c'è alcun bisogno di reinstallare Windows a mano ogni settimana, non perché windows sia così stabile, ma semplicemente perché si può fare in modo che windows si reinstalli da solo :PPP anzi una reinstallazione almeno una volta alla settimana è d'obbligo.

Il punto però non è questo, se si vuole fare un progetto che funzioni, deve essere una cosa che un IP serio voglia provare e utilizzare. Noi/Voi potrete anche fare il programma non a scopo di lucro, ma un IP lo usa per viverci e/o guadagnarci, e ti posso garantire che in condizioni normali un IP non si regge da solo, lavora bene come attività aggiuntiva in un locale che fa già un certo richiamo (vedi appunto un bar o un edicola) ma da solo ti ripaga a malapena i costi del personale. Non so come sia fra Cervignano e Aquileia, ma a Udine 8..10 anni fa c'era una vagonata di IP, ora si sono ridotti di brutto, e il motivo può essere uno solo: non funzionavano, la clientela era troppo poca per l'offerta. In compenso ce ne sono almeno 2 a Grado e almeno 4 a Lignano, in altre parole il prodotto 'tira' bene nelle aree turistiche (e continua a tirare nonostante le tante offerte alternative di altre strutture ricettive) e langue nelle città, ove deve sfruttare un pubblico di nicchia quali immigrati o studenti fuori sede.

In questo quadro, partire con la prospettiva di un taglio del 50% del fatturato per risparmiare 200 Euro di uno schifido XP Home non è una buona cosa, specialmente considerando che quei 200 euro si possono recuperare in 40 ore di funzionamento della macchina (considerando un prezzo medio di 5 e/ora). La cosa perde ancora più importanza considerando che per fornire un buon servizio devi offrire hardware nuovo o comunque in buono stato, e non è detto che l'hardware non recente sia sempre una buona scelta con Linux: a parte la minore affidabilità, se non delle elettroniche, perlomeno dei dischi, puoi benissimo trovare dei Pc che funzionavano dignitosamente con XP e sono dei bradipi (principalmente a causa della scheda video) con un qualsiasi X.

E' ovvio che se la prospettiva è quella di usare questo software solo alle manifestazioni dei Lug il discorso casca, ma se viene fatto in modo da non prevedere macchine client windows, solo i lug lo useranno, rimarrà un progetto sterile.

Si può scrivere software a codice aperto anche sotto Windows, non ci sono problemi in questo senso.

Cita:
Credo, che inizialmente non sia prevista la possibilità di fornire accesso a Laptop Wi-Fi.

IMHO sarebbe un'utile aggiunta, anche perché lo sforzo necessario è relativamente ridotto, basta perlomeno non chiudere la porta subito e prevedere la possibilità di aggiungerlo facilmente, presumibilmente con una struttura modulare. L'accesso con il portatile è richiesto sia in una zona turistica che in zona universitaria (per quanto ormai le università tendano a darlo direttamente ai propri studenti, ma non è detto che sia così dappertutto) e copre una richiesta che gli Hot Spot pubblici dei grandi provider in genere ignorano, l'accesso casuale, ovvero il cliente che ha bisogno di collegarsi una o due volte in tutto e non ha la più pallida intenzione di registrarsi e acquistare traffico prepagato. E' vero che la richiesta di connettività WiFi è comunque poca in confronto alla richiesta di terminali pubblici, ma in 3..4 anni il traffico è aumentato di almeno un ordine di grandezza, e da noi la scorsa stagione non era insolito trovare, di mattina, un 5..6 laptop connessi contemporaneamente. A livello di hardware, l'estensione per il WiFi richiede una scheda lan aggiuntiva e uno o, nei locali più grandi, due access point, oltre alla necessità di prevedere delle prese di corrente per gli utenti. Un'edicola o una sala giochi non hanno spazio da dedicare ai laptop, ma un bar con i suoi tavolini ce l'ha eccome, e l'investimento si ripaga molto più in fretta dei 200 Euro delle licenze di windows.

Cita:
Per quanto riguarda la replicazione, mi risulta che Mysql abbia questa funzionalità, correggetemi se sbaglio, naturalmente.

E' probabile che ce l'abbia, ma gli manca la caratteristica di fare i log delle transazioni. I log consentono di riportare il database a uno stato precedente arbitrario. In effetti prima ho fatto un errore, nel senso che se ti si frantuma il sistema mentre lo stai usando il DB in replica su un altra macchina è più che sufficiente per ripartire senza perdere nulla, mentre i log servono per rimediare i disastri dovuti a errate modifiche o cancellazioni di dati (che finirebbero subito anche nella replica).
Si tratta di 'garanzie' un po' paranoiche, fatte per evitare di perdere i dati di una giornata di lavoro (dal momento del disastro a quello dell'ultimo backup), ma per fare un sistema ad alta sicurezza può essere il caso perlomeno di prenderle in considerazione. C'è un altro aspetto per cui postgres potrebbe essere indicato, la memorizzazione delle immagini: il programma che ho fatto io ai tempi memorizza le immagini dei documenti su cartelle gerarchiche, una per giorno: non che questo funzioni male, tutt altro, ma memorizzando anche le immagini sul database si appesantisce un po' il database, ma almeno il backup del sistema si può fare con un semplice dump senza preoccuparsi di null'altro. Non so come si comporti mysql con un moderato carico di campi binari da 80..100K ciascuno, ma so come si comporta postgres, ovvero benissimo, e questo lo abbiamo sperimentato sia noi che un mio grosso cliente che maneggia tabelle da decine di migliaia di anagrafiche, ognuna con i suoi bravi dati binari allegati. Tra l'altro, tempo fa abbiamo provato a migrare una nostra applicazione che boccheggiava un po' da postgres 7.3 a 8.1, abbiamo rilevato in alcuni punti dei miglioramenti di quasi 10 volte, a parità di database, query e ottimizzazione del db.

Cita:
Ultimo, non so che scanner hai avuto la sfortuna di provare ma ne ho 3 ( 2 Canon e 1 HP ) e funzionano egregiamente con kernel Linux 2.6.17 ( senza driver strani ).

In effetti non ne ho provati, ai tempi cercammo nella tabella dei modelli supportati, e trovammo solo modelli relativamente costosi, e quasi tutti scsi. Può essere che ora la situazione sia migliorata. Questo però ti blocca nuovamente alla necessità di avere la console sotto Linux, il che per certi locali ove i baristi non devono usare il PC (e non lo sanno neanche usare) andrebbe anche bene, si fa in modo che il server faccia anche da console e si risolve lì il problema. Resta il fatto che la volta che il malcapitato barista non si ricorda come uscire da una finestra che 'pare' bloccata (ma in realtà ha solo un popup nascosto) e non trova niente di meglio da fare che premere per 4 secondi il pulsante di accensione del Pc, tu puoi anche minacciarlo che se lo fa di nuovo gli spezzi le braccine, ma tanto prima o poi con sommo sprezzo del pericolo lo farà lo stesso. Se sei fortunato, come accade quasi sempre, il sistema riparte come se niente fosse, se non lo sei si corrompe qualche tabella di Mysql, si blocca tutto e il barista va in panico fino a che non ti colleghi da remoto e dai un mysqlcheck completo. Come tale, sarebbe sempre meglio che il server facesse da server (con l'avviso "Chi tocca muore") e la console facesse da console. In questo caso però hai il problema opposto, troverai sempre il locale che invece 'vuole' che la macchina sul banco possa essere usata anche per navigare, per fare gli ordini ai fornitori, guardare la posta e vedere qualche sito porno dopo l'orario di chiusura, e a quel punto devi prevedere la possibilità di attaccare uno scanner anche a Windows. Come ti dicevo, gli scanner (economici per la verità) che ho visto recentemente, ad esempio quelli di una primaria marca di cui non posso fare il nome ma solo le iniziali (HP) hanno i driver pesanti come uno dei miei messaggi e instabili quanto un Windows 3.1 aggiornato a 95. Se anche non si autodistruggono da soli, a volte richiedono il riavvio del pc per tornare a funzionare, e doverlo fare con 3 clienti che aspettano che gli attivi la macchina, anche in questo caso, non è bene.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: 16/10/2006, 7:26 
Non connesso
new_entry
new_entry

Iscritto il: 16/10/2006, 7:21
Messaggi: 2
Località: LC
KINGHack ha scritto:
Mi ricollego a quello che hai scritto rispondendo con quanto aveva tempo fa estrapolato Carletto

Cita:
2) SOFTWARE IMPIEGATO:

. Linux Schlakware (SO)
. Squid
. Apache
. Php
. MySQL
. Phpmyadmin



Ciao

avete già valutato chillispot? E' un software che contiene già la gestione del captive portal ed altro.

inoltre vi suggerirei phpmyprepaid per la gestione delle prepagate. contiene già la creazione degli account su radius. ChilliSpot gestisce l'accounting su radius. Può essere una buona base di partenza, o comunque un aiuto/confronto.

Ciao
maxxer


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 24 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2, 3  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010
[ Time : 0.130s | 15 Queries | GZIP : Off ]